Borshch – la zuppa rossa (una versione vegetariana)


Come scrivere il nome della questo piatto, che gli italiani potesse lessere?
Suona un po come BARSCICE, se saltate il “i” e fatte il accento sul A. In inglese scrivono Borshch
Nella nostra casa un cuoco del Borshch glorioso e un Signore Grande Esperto. La gente scrivono i poemi del suo Borshch, ricordano per lungo tempo e racontano a suei nippote.
Io sto vivendo vicino al Grande Esperto per molti anni, ho imparato un po di Borshch anche io. Ma noi cucinamo il Borshch nel metodo diverso. Molte cose facciamo nel metodo diverso, anche il Borshch.
Lui sa prima di cominciare, come deve essere. Tutto fa giusto, senza niente compromessi. Se deve friggere la cipola, prende la padella anche se va in campeggio e cucina sul fuoco di campeggio. Lui non puo saltare con inspirazione improvvisa e corere nella cucina fare in Borshch subito, perche i fagiolini devono essere messi a bagno da ieri sera. Se non abiamo fatto ieri sera, oggi non possiamo avere il Borshch perfetto. Se non perfetto – non ci sara niente. Signore Grande Esperto non comincia, se non puo fare perfetto.
Invece io… nella cucina io mi sento flessibile e libera – come improvvisatore vera. Se dico, che oggi ho cucinato il Borshch, probabilmente sara rossa. Ma che cosa altro potete trovare dentro il piatto – puo essere un sorpresso. Perche neanche io so sul inizio, che cosa metero. Solo di una cosa potete essere sicuri – tutto, che messo, e le cose edibile. Siete sicurissimi.

1 barbabietola
3 patate
2 carote
1 cipola
1 scatola dei faggiolini (Grande Esperto non ha saputo, che faggiolini erano di scatola, ma penso, che non ha capito)
0,5 l di brodo di funghi (con qualche funghi)
200 ml suco e polpa dei pomodori
2 pugni dispinaci
2 pugni di fogli di acetosa
un po di olio
prezzemolo, aneto, peppe, altri erbi per la zuppa
panna acida

Mettiamo cuocere le verdure – cominciamo dei quelle, che hanno bisogno il tempo piu lungo – barbabietola (nei cubetti). Dopo – le carote (nei cerchi). Dopo – le patate (nei cubetti), suco e polpo dei pomodori, erbi per la zuppa, funghi con il brodo. E possibile usare i funghi secci, ma devono essere bagnati per qualche ora. Faggiolini della scatola. Un po dopo – le foglie verde (spinaci, acetosa). Va anche il cavolo bene, invece di acetosa e spinaci. Dire la verita, il cavolo va ancora meglio.
Nella padella frittiamo sul olio la cipole tritato, chi mettiamo nel Borshch in momento quasi finale – con tutto il olio, perche questa versione del Borshch e vegetariana, ma anche agli vegetariani piaccono trovare piccoli cerchi del grosso nelle piatte.
Nelle ricette italiane ho notato, che frittura del cipola e il prima cosa da fare, ma quando Signore Grande Esperto cucina il Borshch, fa frittura del cipola nel momento finale. Bene, anche io faccio cosi per il borshch.
Momento assolutamente finale, dopo spegnere il fuoco – mettiamo i erbi verde – aneto, prezzemolo.
Momento di piu finale, quando Borshch gia nei piatti – aggiungiamo un cucchiaio della pana acida nel ognio piatto.

(ho tradotto, pensando di Matteo)

One thought on “Borshch – la zuppa rossa (una versione vegetariana)

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

Facebook Like Button for Dummies